Crowdfunding e impresa sociale : un binomio vincente!

Di Crowdfunding e impresa sociale se ne occupa un’analisi condotta su 253 campagne lanciate proprio da imprese sociali su piattaforme di crowdfunding italiane.

L’indagine dimostra che la presenza dell’impresa sociale sui social network, la scelta di una specifica piattaforma di tipo reward-based e la gestione attiva delle campagne abbiano un impatto rilevante sull’effettivo raggiungimento dell’obiettivo di finanziamento.

Pur differenziandosi per vari aspetti la logica del crowdfunding e quella che sta alla base della cooperazione sociale hanno molto in comune, proprio come per la Sharing economy sembrano essere tutti fenomeni generati dalla stessa base: trovare nuove risposte a nuovi bisogni sociali.

Vi invitiamo quindi a prendervi 5 minuti per leggere i risultati dell’analisi condotta da Bernardo Balboni dell’Università degli Studi di Trieste, Ulpiana Kocollari dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia e Ivana Pais dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano sui dati estratti da otto diverse piattaforme, di tipo reward-based (Eppela, Starteed, DeRev, Crowdfunding-Italia), donation-based (Rete del Dono, Shinynote, BuonaCausa) e ibride (Produzioni dal Basso).